Press "Enter" to skip to content

Le poesie di Pessoa sono sincere menzogne

1 ' di lettura

La crisi dell’identità dell’io nella società odierna, dove la realtà virtuale si sovrappone quasi completamente a quella reale, Fernando Pessoa la viveva già. E le sue poesie ne sono testimonianza.

Pessoa poeta eteronimo

Una delle più note caratteristiche che appartiene allo scrittore portoghese Fernando Pessoa è l’abbondante uso della eteronimia: l’opportunità cioè di incarnare personalità fittizie a cui attribuire la creazione di sempre nuovi scritti. Non semplici pseudonimi, ma veri e propri personaggi con un vissuto altro da quello dell’autore “zero”, e frutto della sua isteria, che non si manifesta tanto in comportamenti inusuali e irrazionali, ma nella furia creatrice che ogni individualità mette in atto. Annullarsi, scegliere altre vite, reinventarsi.

Ma come può inseguire l’ideale della sincerità chi, per sua stessa ammissione, si è espresso artisticamente attraverso delle personalità fittizie?

La statua di Pessoa, difronte al Café A Brasileira, nel quartiere Chiado di Lisbona

Il problema della sincerità

Un lutto ci rende tristi, ma solo perché così fan tutti. Spesso i sentimenti sono il risultato di una prassi sociale. Per questo Pessoa distingue due livelli di sincerità: quella legata all’esperienza quotidiana, ma generata da numerose convenzioni, e che pertanto non esiste. Mentre a raccontare la realtà è la sincerità intellettuale dei sentimenti, quella che si avvera nella nostra vita interiore, esprimendo ciò che si pensa e si sente. In altre parole, solo chi scava dentro di sé e analizza ogni anfratto recondito dell’animo, può dirsi onesto: “Non so se sono perfettamente lucido – scrive Pessoa ad Armando Cortes Rodrigues – Penso di essere onesto. Ho almeno quell’amarezza dello spirito provocata da quella pratica antisociale della sincerità. Sì, penso di essere sincero. Spesso, credo fermamente, passo ore intellettuali a intromettermi in me stesso”.

In che modo dare struttura a questa complessità se non inventando varie forme di realtà, ciascuna rispondente al proprio personaggio, ciascuno pronto però a interpretare drammi reali. Nell’insincerità degli eteronimi risiede l’unica maniera di esprimere ciò che il poeta sente e vive.

Il poeta è un fingitore, scrive Pessoa

Tuttavia, potrebbe non bastare. Il piano del sentire e il piano del comunicare non si incontrano facilmente. “Ogni emozione veritiera è una bugia per l’intelligenza, perché non occorre in essa – torna ancora a spiegarsi Pessoa – Esprimersi è dire ciò che non si sente”. Poiché i sentimenti non sono comprensibili intellettivamente, ne possiamo esprimere il valore, ma non la loro essenza. Per questo la sincerità è il maggior ostacolo per uno scrittore: egli elabora e può affinare la sua sensibilità che non può prescindere dal proprio sentire, ma resta un fingitore.

Sofia D’Arrigo

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Mission News Theme by Compete Themes.