Press "Enter" to skip to content

Andava tutto liscio

3 ' di lettura

Pipa in bocca come Sherlock Holmes, camicia azzurra a maniche corte, chitarra a tracolla e l’inconfondibile neo sul mento sono i tratti distintivi che potrebbero descrivere Raoul Casadei a chi – improbabilmente – non l’hai mai visto. Prima di spegnersi a 83 anni per Covid, “il re del liscio” ha scritto tantissime canzoni – Ciao mare, La mazurka di periferia, Romagna capitale –, ha partecipato a Sanremo, ha inaugurato la balera più grande d’Italia e ha venduto milioni di copie. Semplicemente, è il più grande esponente di un genere musicale che è già immenso di suo.

Il liscio

Ci sono alcune cose che identificano la Romagna come terra ben delimitata da certi confini: la piadina con lo squacquerone , la riviera, i passatelli in brodo, la caveja e il ballo liscio. Quest’ultimo – sull’origine del nome ci torneremo dopo – è una danza di coppia composta da valzer, polca e mazurca, e viene principalmente scritto per sassofono, clarinetto e violino.

Come due danze polacche e una austriaca siano arrivate fra i vitigni del Sangiovese è una storia lunga e sicuramente complessa, ma di certo alla fine dell’800 erano già diffuse in tutta Europa. All’epoca si suonavano nei teatri, nei circoli cittadini e nei caffè-concerto, e non c’era nessuno di questi luoghi che non fosse battuto da Carlo Brighi, violinista autodidatta e “inventore” del liscio.

Carlo Brighi e la sua orchestra formata da contrabbasso, clarinetto e violino cominciarono a girare la Romagna di fine ‘800 per esibirsi in valzer, polche e mazurche, trascinando nel ritmo della musica ora gli abitanti di Forlì, ora quelli di Savignano. Brighi è famoso soprattutto per aver inventato la balera – o quantomeno il suo concetto –, perché nel 1910 si trasferì definitivamente a Bellaria, la città di sua moglie, dove adattò una parte della casa a sala da ballo. La domenica pomeriggio – una volta si ballava a quell’ora – il Salone Brighi attirava persone da ogni angolo della Romagna.

L’orchestra Casadei

Carlo Brighi era soprannominato Zaclén, e ancora oggi è molto diffuso dare il via alle orchestre di liscio con l’espressione Taca, Zaclén! – cioè “Inizia, Zaclén” –, perché l’influenza di questo musicista è stata tantissima. Se Brighi inventò il liscio, a trasformarlo in ciò che è oggi fu senza dubbio Secondo Casadei, detto lo Strauss di Romagna.

Casadei cominciò a suonare come violinista nella formazione che il figlio di Brighi aveva ereditato dal padre, ma nel giugno del ‘28 debuttò con la sua orchestra al Dancing Rubicone di Gatteo a Mare. Da lì in poi fu un successo dopo l’altro: dischi, canzoni, Romagna mia, divise tutte uguali che divennero la firma della formazione e un’incredibile resistenza alle musiche d’oltreoceano che nel dopoguerra invasero lo Stivale.

Nel 1960, un ventitreenne Raoul Casadei si unì a quella che sette anni dopo sarebbe diventata l’Orchestra spettacolo Secondo & Raoul Casadei. La formazione di zio e nipote faceva più di 365 concerti all’anno – si suonava anche il pomeriggio –, portò al successo decine di canzoni e rese il liscio famoso in tutta la penisola.

Secondo Casadei e Raoul Casadei
Secondo e Raoul Casadei

Nel 1971, dopo la morte di Secondo, Raoul prese in mano l’orchestra, e nel decennio successivo il liscio esplose: Casadei divenne una star di spot pubblicitari e fotoromanzi, inaugurò la Ca’ del Liscio e si inventò di caricare i turisti su una nave, portarli al largo di Cesenatico e farli ballare in mezzo all’acqua.

Cosa significa il liscio

Il termine fu coniato da Raoul Casadei. Una sera, alle Rotonde di Garlasco, il musicista guardò la folla che ballava felice e pensò che tutto andava “liscio”, quindi urlò Vai col liscio! dal palco; il giorno dopo, Tv Sorrisi e Canzoni usò la frase come titolo, e il resto è Storia.

In un certo senso, la storia di come il liscio ha preso il suo nome è una metafora di ciò che il liscio significa. Il momento in cui Raoul guardò le persone felici e capì che stava “andando tutto liscio” è esattamente ciò che le sue canzoni rappresentano: spensieratezza, amore, allegria. Non esiste una canzone triste, non ce n’è una che non provi a far sorridere: Ci basta un grillo per farci sognare, Com’è bello trovare quegli amici che non perdi per tutta la vita, Quest’aria di paese ci invita a far l’amore… e via cantando.

Il liscio, in Romagna, significa tante cose. Se è vero che questo ballo ha segnato i momenti importanti nella vita di tante persone sparse in tutta Italia – lo stesso Casadei ha parlato di sposi che lo ringraziavano per essersi conosciuti durante un suo concerto –, in Romagna è qualcosa di più. Il liscio, qui, è una nostalgia spensierata “alla Raoul” per i non più giovani, o qualcosa di solo nostro che ci fa sentire importanti e a casa ovunque siamo. Il liscio racconta questa terra molto meglio di tante altre cose: le estati in riviera – Ciao, mare, il ricordo dell’estate si risveglia nel mio cuore –, le balere, la musica nazionalpopolare che è bella proprio perché è leggerissima. I giri di liscio di Raoul Casadei, insomma, scandiscono come musica straussiana la mitologia della Romagna.

Alessandro Mambelli

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Mission News Theme by Compete Themes.